Il naso è l’organo situato al centro del viso, in posizione mediana, costituisce la parte iniziale delle vie respiratorie. Coinvolto nelle attività respiratorie e olfattive è formato da ossa e cartilagine, risulta sporgente rispetto al piano del viso. Al suo interno hanno inizio le fosse nasali che terminano nella parte iniziale della faringe (Rinofaringe).

Rinite

La più comune forma infiammatoria acuta a carico della fossa nasale è rappresentata dalla rinite acuta epidemica.  Comunemente conosciuta come raffreddore, caratteristica principale è l’ostruzione respiratoria nasale associata ad abbondanti secrezioni nasali (RINORREA). In qualche possono sopraggiungere  infezioni batteriche che determinano secrezioni più dense (Muco – Purulente).

Il 20% di infiammazioni nasali è rappresentata dalle riniti di tipo allergico, nei restanti casi può essere attribuita una causa infettiva.

Sinusite

La sinusite è un’ infiammazione dei seni paranasali, regioni anatomiche del naso. In base all’insorgenza e alla durata possono distinguersi tre tipi di sinusite:

  • Sinusite acuta di rapida insorgenza e durata se il paziente è sottoposto a terapia appropriata;
  • La sub-acuta a insorgenza più lenta e durata maggiore rispetto all’acuta ;
  • La forma cronica della durata maggiore di 6 mesi che di solito è associata a problemi di carattere generale o locale del paziente . Come allergie o deformità anatomiche , deviazioni settali o polipi.

Per la diagnosi è importante effettuare un esame fibroendoscopico, realizzato con strumentazione flessibile a fibre ottiche e  se necessario una  Tomografia Computerizzata  del massiccio facciale. Infine sulla base del quadro clinico il trattamento della sinusite può essere effettuato con  terapie mediche o terapie chirurgiche.

Poliposi

Sono estroflessioni della mucosa sinusale causate da un edema (Gonfiore). La causa principale è l’allergia. Provocano soprattutto ostruzione nasale e rinorrea (Muco dal Naso). La terapia è essenzialmente medica nei casi meno responsivi si eseguono interventi di rimozione per via endoscopica (FESS).

Deviazione Setto Nasale

È una deviazione della parete che divide le fosse nasali (Setto) dà un’asimmetria delle fosse nasali. Può essere causata da uno sviluppo disarmonico dello scheletro facciale,
in questi casi si parlerà di deviazione congenita, o da traumi nasali avvenuti anche in età pediatrica, in quest’ultimo caso si definisce acquisita. La deviazione del setto spesso di accompagna ad una ipertrofia compensatoria dei turbina nella fossa nasale opposta. Il principale sintomo riferito è l’ostruzione nasale con conseguente predisposizione a sinusiti, disturbi del sonno e faringiti per mancanza di “Filtraggio” dell’aria attraverso il naso. La terapia è esclusivamente chirurgica mediante correzione della lamina del setto. L’intervento di settoplastica ha come scopo di rendere simmetriche le cavità nasali  con il conseguente  miglioramento funzionale della respirazione nasale.
L’intervento è eseguito in anestesia generale e prevede una piccola incisione all’interno del naso (che pertanto risulta invisibile), lo scollamento della mucosa che ricopre il setto nasale e il rimodellamento dello stesso con asportazione di parte di cartilagine e dell’osso.

Call Now Button